Che cos’è il fenomeno di Raynaud?

Il fenomeno di Raynaud è una eccessiva vasocostrizione arteriolare a livello delle estremità – in genere le dita delle mani e dei piedi, ma anche naso o orecchie. Viene classificato in:

  • Primario o idiopatico: qualora si manifesti in assenza di una malattia sistemica; può essere considerato come fenomeno parafisiologico, compare solitamente negli adolescenti, è blando e non determina alterazioni importanti.
  • Secondario: qualora sia espressione di alterazioni vascolari che si riscontrano in numerose malattie con disregolazione del sistema immunologico – sclerosi sistemica, sindrome di Sjogren, polimiosite/dermatomiosite, vasculiti; l’esordio è più tardivo ed associato alla malattia ed è più grave del primario, determinando alterazioni varie come ulcere digitali.

Quali sono le cause del fenomeno di Raynaud?

Alla genesi del fenomeno di Raynaud c’è l’iperreattività dei vasi sanguigni a stimoli aspecifici – come le basse temperature, lo stress – che portano ad una eccessiva vasocostrizione a livello arteriolare.

Come si manifesta il fenomeno di Raynaud?

Il fenomeno di Raynaud si manifesta inizialmente con pallore e/o cianosi insorti improvvisamente a livello delle estremità, con intorpidimento e alterazione della sensibilità. Successivamente, l’iperemia reattiva che segue la vasocostrizione determina eritrocianosi (le estremità assumono un colorito rosso-violaceo) e dolore.

Come si fa diagnosi di fenomeno di Raynaud?

La diagnosi del fenomeno di Raynaud è clinica; per distinguere la forma primaria del fenomeno di raynaud dalla secondaria si esegue una capillaroscopia periungueale: questa è negativa nelle forme primarie e positiva nelle forme secondarie, nelle quali evidenzia alterazioni microvascolari caratteristiche.

Qual è il trattamento del fenomeno di Raynaud?

Il trattamento del fenomeno di Raynaud varia secondo quelli che sono i disturbi che causa al paziente e si basa, innanzitutto, su rimedi comportamentali:

  • Di primaria importanza è la protezione dal freddo, evitando l’esposizione a bruschi cambiamenti di temperatura;
  • Molto utile è l’astensione dal fumo;
  • Sospendere, laddove possibile, la somministrazione di farmaci che causano il fenomeno di Raynaud.

Se questi accorgimenti non dovessero essere sufficienti, possono essere utilizzati farmaci vasodilatatori come calcio-antagonisti, sartani o inibitori del recettore dell’endotelina.

UNITÀ OPERATIVE

Per la prenotazione di Visite ed Esami è possibile anche contattare il C.U.P per entrambe le Case di Cura:

Casa di Cura Pierangeli: 08529391 Casa di Cura Spatocco: 0871352352

Dal Lunedi al Venerdì: 08.00 – 17.00 Sabato: 08.00-12.00

Prenotazione telefonica di prestazioni diagnostiche e specialistiche ambulatoriali

LEGGI TUTTO