Lo pterigio è una crescita anormale della congiuntiva, la membrana mucosa che copre la parte bianca della superficie anteriore dell’occhio. Questa crescita benigna appare come una membrana biancastra fibrosa e ricca di vasi, a forma di un cuneo, che tende ad invadere la cornea. Solitamente prende origine dal lato nasale (interno) dell’occhio.

Uno pterigio di solito non causa problemi e/o potrebbe non richiedere un trattamento: può però essere rimosso se interferisce con la vista.

Quali sono le cause di pterigio?

La causa principale è certamente l’esposizione solare durante la vita del paziente. Le persone che vivono in regioni calde, secche e soleggiate e trascorrono molto tempo all’aria aperta hanno una maggiore possibilità di sviluppare uno pterigio rispetto ad altri.

Anche gli sportivi come i surfisti e gli sciatori hanno un’alta incidenza a causa degli alti livelli di luce UV riflessa a cui sono esposti.

Quali sono i sintomi di pterigio?

Lo pterigio a lungo può restare asintomatico e non richiedere trattamento ma in caso di infiammazione può causa sensazione di corpo estraneo, secchezza degli occhi, irritazione, e arrossamento. Può anche rendere difficile o scomodo indossare lenti a contatto.

Se lo pterigio si estende sulla cornea può causare una deformazione della stessa e causare astigmatismo. Nei casi in cui lo pterigio si estende fino alla cornea pre-pupillare, può causare visione sdoppiata e calo del visus.

Come si diagnostica lo pterigio?

La diagnosi di pterigio può avvenire attraverso l’osservazione alla lampada a fessura durante una visita oculistica. Si presenta come un triangolo, con l’apice rivolto verso il centro della cornea.

Esami addizionali possono essere la topografia corneale, per studiare la curvatura della cornea e OCT (tomografia ottica) della cornea, per esaminare direttamente i tessuti coinvolti.

Come si tratta lo pterigio?

Lo pterigio se non causa disturbi di solito non richiede alcun trattamento. In tal caso potrebbe essere utile controllare occasionalmente l’occhio interessato per vedere se la crescita sta causando problemi di vista.

Se lo pterigio provoca molta irritazione o arrossamento, si possono prescrivere colliri lubrificanti o che contengono corticosteroidi per ridurre l’iperemia e le sensazioni irritative.

L’intervento chirurgico rimane l’unica soluzione definitiva per rimuovere lo pterigio se i colliri non forniscono sollievo, se vi è perdita della vista o astigmatismo e per motivi estetici. L’intervento viene eseguito in anestesia locale e consiste nella rimozione della lesione.

In alcuni casi, lo pterigio può recidivare dopo essere stato rimosso chirurgicamente.

Si può prevenire lo pterigio?

Se possibile, evitare l’esposizione a fattori ambientali che possono causare uno pterigio.

Può aiutare a prevenire lo sviluppo di pterigio indossare occhiali da sole o un cappello per proteggere gli occhi dalla luce del sole, dal vento e dalla polvere.

In presenza giù di uno pterigio, se ne può rallentare la crescita limitando l’esposizione a: vento, polvere, polline, fumo, luce del sole.

Evitare queste esposizioni può anche aiutare a prevenire la recidiva.

UNITÀ OPERATIVE

Per la prenotazione di Visite ed Esami è possibile anche contattare il C.U.P per entrambe le Case di Cura:

Casa di Cura Pierangeli: 08529391 Casa di Cura Spatocco: 0871352352

Dal Lunedi al Venerdì: 08.00 – 17.00 Sabato: 08.00-12.00

Prenotazione telefonica di prestazioni diagnostiche e specialistiche ambulatoriali

LEGGI TUTTO